scritto da in UNDER 14

Nessun commento

COMUNICATO-UFFICIALE-N_56

La partita è stata rimandata e tutti, atlete e genitori, abbiamo tirato un sospiro di sollievo. Come se altri due allenamenti cambiassero le cose, aumentassero smisuratamente la potenza e le capacità delle nostre ragazze! È che alla parola ‘Prato’ le ginocchia tremano, il cuore accelera il battito, il respiro si arresta, il sudore si fredda. Ormai non si tratta più soltanto di una partita, ma di uno spauracchio da demolire. Per guadagnare autostima, per recuperare fiducia, per acquisire nuovamente la consapevolezza che nessun ostacolo è insormontabile. Le ragazze arrivano in campo tese ma grintose. L’allenatore parla con loro, quasi un incantatore di serpenti. L’arbitro fischia l’inizio. Che vinca il migliore…ma cosa dico? Che vincano loro, ca..cchio! Il primo goal è il nostro. Il secondo è il loro. Lo strano ‘balletto’ dei tiri andati in porta continua fino alla fine del primo tempo, 12 a 12. Poi all’ultimo minuto un goal del Prato che ci porta in svantaggio. Poco male. Inizia il secondo tempo. Le ragazze avversarie sono più agguerrite che mai. Ogni tiro è una rete. Le nostre non si perdono d’animo, non si scoraggiano, corrono, tirano, segnano (un ringraziamento particolare alla Giulia, la nostra stakanovista del goal!). Il tempo scorre. Noi genitori ci stiamo sgolando e in certi momenti vorremmo scendere giù, in campo, a proteggere le nostre ‘piccoline’, a dire all’arbitro: ‘non vedi che le altre sono più grandi? Un occhio di riguardo, caspita’! Anche dalla panchina si intuiscono segni di sofferenza e insofferenza e chi sa leggere il labiale sarebbe sorpreso dagli epiteti poco eleganti gridati dalle nostre fanciulle!
Ma -ahimè- il tifo non è sufficiente. La volontà e la grinta neppure… Il Prato vince.

E le nostre, le nostre erano le blu.

Marina Piazza

scritto da in PALLAMANO

Nessun commento

L’ultimo week end è’ stato turno di sosta ma non per tutti. Si sono fatti onore Mattia Di Gorga, nello stage di selezione area centro, anticamera della Nazionale Under 18, e soprattutto Ruben e Rebecca Romualdi che hanno vestito in Polonia l’ennesima maglia azzurra. A Cracovia troppo forte la locale nazionale, che assieme al Portogallo era avversaria per le qualificazioni europee Under 17, ma l’Italia non ha affatto sfigurato ed il contributo aretino, in panchina ed in campo, è stato importante. Mentre le campionesse Under 16 riposano e si godono il fresco titolo in attesa di impegni di altro livello, ancora un turno di gare per la Petrarca Pallamano in attesa della Pasqua che si annuncia serena e degna di festeggiamenti, anche se i prossimi appuntamenti non sono affatto scontati. Davvero interessante la gara di sabato 28 ,ore 19, in serie B con la Petrarca che ospita la seconda forza del campionato. Il crescendo di gioco e risultati dei ragazzi aretini troverà un ostacolo difficile nella Poggibonsese e certo la squadra di Ghini dovrà sfoderare una prestazione maiuscola per togliersi l’ennesima soddisfazione fra le mura amiche. Ci può stare. Per chi ha fame di pallamano il PalaMecenate offre un bel menù per la Domenica delle Palme. Si inizia con un antipasto leggero: in under 14 maschile ben trentasette punti separano la Petrarca A dal fanalino di coda Montecarlo e, con tutto il rispetto a l’amicizia per i simpatici lucchesi la partita (ore 10,30) si presenta senza storia. Ben diverso il piatto di mezzogiorno, dove l’appetito agonistico dell’Under 16 dovrà mostrare prima robuste mascelle e successivi adeguati succhi gastrici per capovolgere il pronostico e digerire un Massa Marittima che finora ha sempre fatto un sol boccone degli avversari. I maremmani, onore al merito, guidano a punteggio pieno il torneo e sono lanciatissimi verso il titolo, ma Arezzo non è un campo facile per nessuno e Saadi saprà dare ai suoi ragazzi le giuste motivazioni. Per il resto si viaggia a caccia di risultati possibili. Partita più equilibrata di quanto dica la classifica in Under 18. Prato sopravanza la Petrarca di sei punti ed un paio di posizioni, però le belle prestazioni degli ultimi impegni autorizzano a sperare in un risultato corsaro. Buone notizie si aspettano anche da Pontassieve per l’Under 14 B, mentre sono pure in trasferta, ma da favorite, le Cittine Under 14 che intendono tornare dal Mugello col risultato pieno.

Paolo Polezzi  A.S. Petrarca Pallamano

scritto da in PALLAMANO

Nessun commento

Giovedì 26/03 ore 18.00 al Palamecenate si recupera Petrarca vs Tushè U14/F.
Sempre in casa, sabato 28/03 ore 19.00 SERIE B/M Petrarca vs Poggibonsese;

domenica 29/03 ore 10.30 U14/M Petrarca SQ.A vs Montecarlo e ore 12.00 U16/M Petrarca vs Olimpic.
Fuori casa (e tutte domenica) Mugello vs Petrarca U14/F, Firenze La Torre vs Petrarca SQ.B U14/M & Prato vs Petrarca U18/M.
Fermo ad una giornata dalla fine (E GIA’ VIRTUALMENTE VINTO) il campionato U16-18/F.

scritto da in PALLAMANO

Nessun commento

Ho scoperto di avere anche io uno ‘spirito sportivo’! E l’ho scoperto grazie alla pallamano. Mi sono avviata alla partita [...chi giocava?....] convinta di annoiarmi (addirittura in borsa il set di manicure per sistemarmi le unghie). Ma non c’è stato tempo per pensare allo smalto.  h 17:00 – L’arbitro fischia l’inizio del primo tempo. Dopo pochi minuti la Lulù segna il primo goal. I genitori intorno a me applaudono ed incitano le giovani atlete della squadra Under 14, io sono ancora troppo ‘spaesata’ per esultare. Non posso pretendere molto considerato che solo ieri ho scoperto che noi siamo la squadra vestita di rosso! (Anche se Michela Sacchetti, cercando di confondermi, ha detto che di tanto in tanto siamo vestiti di blu!). Da quel momento -magicamente- dentro di me è stato un crescendo di entusiasmo, quasi una sinfonia. Il goal della Serena [o Elena o Maya??] poi quello della squadra avversaria, i fischi continui dell’arbitro (che a mio avviso distraggono!), le corse in campo, i palleggi, le passate, le tirate, i tentativi, le reti, le cadute…. Ed io, proprio io, che sono sempre stata allo sport quanto un terrorista alla pace, mi sono trovata ad urlare incoraggiamenti, a incitare, a tifare… Sudata come uno scaricatore di porto, altro che smalto!  Non mi intendo di pallamano, non conosco bene le regole del gioco, ma nelle ragazze ho visto la grinta che avrei sempre desiderato avere, una complicità di squadra che ho sempre ammirato. La partita è stata emozionante perché giocata ad armi pari. Quando, quasi alla fine del secondo tempo, il goal di Maya ci ha portato nuovamente ad una posizione di pareggio (11 a 11) abbiamo intonato un coro in aretino “ce se fa” perché davvero la vittoria era a portata di mano. Poi la rimonta improvvisa ed inaspettata delle avversarie (con una portiera che, caspita, le parava tutte!). Ma le nostre non si sono date per vinte, hanno giocato fino all’ultimo secondo, hanno provato a lanciare in porta anche in situazioni improbabili, si aiutavano, si cercavano. Si sono battute. Tutte insieme. Certo, sicuramente avrebbero preferito un risultato diverso, ma a me nessun’altra partita avrebbe potuto emozionare maggiormente! C’è stato un momento in cui avrei voluto avere anch’io 13 anni e condividere con le ragazze la rabbia, la frustrazione, ma allo stesso tempo la gioia di essere insieme e la consapevolezza che la prossima volta andrà meglio, non verranno ripetuti gli stessi errori (se ci sono stati) e saranno ancora più forti, ancora più unite, ancora più “squadra”. Sono felice che Emma abbia scelto uno sport di cui non avevo mai sentito parlare e ringrazio particolarmente il coach Riccardo Carboni perché è grazie a lui se il gruppo è coeso, è da lui che le ragazze imparano tecnica e cuore di uno sport che ti fa crescere abile, dinamico e generoso.

Marina Piazza – Borgo San Lorenzo – 14 marzo 2015

COMUNICATO-UFFICIALE-N_55

scritto da in PALLAMANO

Nessun commento

Intanto il primo titolo, anzi due. Le citte di Ruben Romualdi  travolgonono Poggibonsi 36 a 10 e adesso anche la matematica dice che l’impresa è stata compiuta. Otto punti di vantaggio su Montecarlo che insegue a due giornate dalla fine e, fatto probabilmente unico nella storia della pallamano italiana, una formazione under 16 vince un campionato under 18. Cammino da vera corazzata quello della Petrarca, con dodici vittorie su dodici gare. Il titolo under 16 era scontato, la vittoria assoluta del torneo proprio no. Le ultime due partite saranno solo caccia al record dei record, preparazione dei festeggiamenti ed allenamento per le finali nazionali di categoria dove Arezzo farà certo sentire la sua voce, mentre il bel momento della Petrarca in rosa è confermato in Under 14 contro Pallamano Mugello: agevole 30 a 20 e conferma del secondo posto in classifica. Ciliegina sulla torta ancora maglia azzurra per Rebecca Romualdi, unica under 16 convocata nella Nazionale superiore che a fine mese volerà a Cracovia per le qualificazioni all’Europeo di categoria. Confermato anche babbo Ruben nello staff tecnico. Ma tornando in loco,  anche i maschietti non scherzano, se è vero che un secondo titolo è sempre più vicino grazie all’ Under 14. Sulle ali dell’entusiasmo i cittini della Petrarca Pallamano percorrono col passo del bersagliere quella che i pronostici indicavano come  una difficile salita.

COMUNICATO UFFICIALE N°54

A Grosseto invece è vera discesa con un clamoroso 35 a 19 che non solo consolida il primato ma attesta la forza di un gruppo ormai maturo per un grande risultato. La matematica ancora non lo dice ma, per usare termini scolastici, tutte le altre materie sì e Saadi può ben dirsi soddisfatto della pagelle che il torneo va esprimendo. Per restare sull’esemplificazione, esegue correttamente il compito e torna alla vittoria anche la serie B.
La squadra di Ghini che onora il pronostico e si impone sulla Pallamano Montecarlo 35 a 28 senza doversi applicare più di tanto.  A pieni voti anche in Under 16. Si torna dalla trasferta di Assisi con una bella e combattuta vittoria: 37 a 34 e ritmi forsennati. Grandi attacchi, difese un pò meno ma alla fine Arezzo è davanti mentre, nonostante la sconfitta, merita la sufficienza l’Under 18 che davanti ad una coriacea Pallamano Ambra cede il campo 26 a 29 ma lotta e fornisce una bella prova che conforta per il futuro. Proprio dalla lucchesia, terra di splendidi vini, partirà verso il PalaMecenate domenica prossima una vera carovana per affrontare la Petrarca in ben tre categorie diverse. Dunque tutto Arezzo – Montecarlo, per l veritè con i favori del pronostico per le formazioni di casa, a partire dalle 10,30 con l’Under 16 femminile che è forse la gara più difficile visto il secondo posto delle ospiti seppur a rispettosa distanza.ì.  A seguire senza sosta i pari età maschili e per chiudere i cittini squadra B.  Trasferte impegnative per la B a Grosseto e per l’Under 14 femminile a Borgo San Lorenzo. Riposo per le altre squadre.

Paolo Polezzi  A.S. Petrarca Pallamano

scritto da in PALLAMANO

Nessun commento

Comunicato Ufficiale n.-53