sabato si gioca

mag
2019
02

scritto da in PALLAMANO

Nessun commento

scritto da in UNDER 18

Nessun commento

Ancora non si sono spenti gli echi del titolo regionale in Under 19 che la Petrarca Pallamano vive nuovi momenti di gloria. Stavolta il palcoscenico è il PalaMeoni di Castiglion Fiorentino e protagonista è la formazione Under 21 che dopo una due giorni di intense gare nel Qualification Round stacca il biglietto per la fase nazionale di categoria. Si andrà a giocare per lo scudetto, e questo è un fatto, grazie ad un secondo posto finale che vale oro.  I ragazzi di Saadi impattano 24 pari all’esordio con Benevento, soccombono poi pesantemente, 22 a 38, contro una motivatissima Fiorentina Handball. Una partita sbagliata per tanti versi, che in tornei simili di solito si paga cara.  Petrarca – Flavioni  Civitavecchia è l’ultimo match e sulla carta i giochi sono fatti. Benevento, sconfitta di misura, 21 a 26, da Fiorentina ma dilagante sui laziali,34 a 22,  appare saldamente seconda con due punti in più ed una differenza reti apparentemente di tutta sicurezza. Arezzo dovrebbe vincere l’ultima decisiva partita con ventiquattro reti di scarto. Un miracolo, o un impresa. Chiamiamola come vogliamo, ma Petrarca – Civitavecchia diventa la partita perfetta. Il sogno di ogni giocatore. Finisce 36 a 13. Le ventitrè reti di scarto bastano ad eguagliare i campani nella differenza reti ma nelle tre gare Arezzo è andata a segno 82 volte, Benevento solo 79 reti e quindi è la Petrarca che entra fra le dodici squadre che lotteranno per il tricolore, ironia della sorte, proprio a Benevento fra il 30 Maggio ed il 2 Giugno prossimi. Un  grande risultato, forse insperato e ad un certo punto ritenuto perso, ma che i ragazzi di Saadi hanno poi inseguito con caparbietà, sofferto, sudato e quanto mai meritato per la grande, grandissima soddisfazione di tutto l’ambiente. Dunque si parte per la Campania verso una grande avventura. Fa un certo effetto scorrere il programma gare già predisposto dalla Federazione e vedere il nome Petrarca accostato all’elite della pallamano italiana. Entusiasmo ed un pizzico di incoscienza nel citare Trieste, Merano, Bologna, Cassano Magnago etc. Tutta la A1 o quasi, compreso la Junior Fasano campione d’Italia in carica. Proprio i pugliesi, che schierano diversi elementi in rosa nella prima squadra, aspettano gli aretini nell’ esordio il 30 maggio. Partita ad eliminazione diretta, compito proibitivo, forse. Intanto il sogno continua.

DOMENICA ROSA

apr
2019
11

scritto da in UNDER 18

Nessun commento

POMERIGGIO ROSA!

apr
2019
05

scritto da in PALLAMANO

Nessun commento

scritto da in UNDER 18

Nessun commento

Alla fine, come da pronostico, la Petrarca Pallamano Arezzo tornò dalle Final Four Campione Regionale Under 19 e vissero tutti felici e contenti. Ma l’epilogo del torneo non è stato una favola, tutt’altro. Una storia vera, fatta di sofferenza e sudore, che ha seguito una sceneggiatura da premio Oscar ma che per questo è molto più bella e resterà indimenticabile. Si può dominare un campionato e vincere un titolo meritatamente e senza patemi, ma una Final Four è un’altra cosa. Tutte le squadre giocano la partita della vita, l’agonismo e la fisicità spesso prevalgono sulla lucidità e sulla tecnica ed i pronostici saltano. Tutto può succedere. Già sabato pomeriggio Arezzo sottotono soffre la Medicea Poggio a Caiano. Anzi rischia e parecchio contro una squadra regolarmente battuta nelle partite normali. Si va addirittura ai supplementari sul punteggio, bassissimo, di 18 a 18. Ma qui la Petrarca ritrova il piglio della prima della classe: non concede più nulla agli avversari che nei due tempi di extra time neppure riescono a segnare. Si chiude con un 23 a 18 e parecchie, forse troppe, energie spese. Nell’altra semifinale, incandescente, Tavarnelle supera di misura Grosseto. Così alla domenica la finale pronosticata chiude un campionato lungo cinque anni. Da tanto infatti questi due gruppi di ragazzi si rincorrono alternando titoli under 14 , under 17 ed ora under19. Il più importante, il più ambito.La partita è una grande partita. Arezzo parte forte, poi il ritorno di Tavarnelle che però non impedisce alla Petrarca di chiudere il primo tempo a più uno. Nella ripresa i ragazzi di Saadi sono più convinti. Sempre avanti, con gli avversari che non demordono ma non vanno mai oltre parziali parità. A quattro minuti dalla fine Petrarca è a più tre e sembra fatta. Ma i citti, ancora, sono citti e vedere il traguardo vicino gioca un brutto scherzo. Tavarnelle butta nella mischia tutta la sua carica agonistica, acciuffa il 29 pari, poi ancora Arezzo a quota 30 ed ancora pareggio a meno di un minuto dalla fine. Si può credere al destino? A qualcosa che è già stato scritto e che nessun evento può mutare?  Forse si,  questi ragazzi avevano già scritto questa storia parola per parola con anni di impegni e sacrifici ed il finale non poteva essere diverso, con la realtà che supera davvero la fantasia. A cinque secondi dalla fine un pallone che pesa un macigno lascia la mano di Matteo Carrai, non a caso un figlio d’arte, compie una lunghissima parabola per una eterna frazione di secondo, gonfia una rete di corda. 31 a 30 ed arriva il triplice fischio. Esplodono i tanti tifosi aretini sugli spalti, i giocatori sono in trance, il Palazzetto di Borgo San Lorenzo diventa teatro delle emozioni, della felicità e della disperazione come dei canti e delle lacrime. Sono i momenti indimenticabili che rendono grande il vero sport e chi lo pratica, nella gioia della vittoria come nello sconforto della sconfitta. Onore ai contendenti. Tavarnelle ha dato tutto. Arezzo ha dato di più e, meritatamente, ha vinto. La storia continua…

Paolo Polezzi  A.S. Petrarca Pallamano

scritto da in PALLAMANO

Nessun commento

La Petrarca Pallamano Arezzo si prepara al week end più lungo e più importante dell’anno. Si parte per il Mugello, ovvero per Borgo San Lorenzo, per affrontare le final four under 19 maschile. Arezzo ci arriva dopo una stagione esaltante che l’ha vista finora imbattuta dominare il torneo. Sempre in testa con autorevolezza dalla prima giornata: tredici vittorie, un solo momento di distrazione per un pareggio che ancora grida vendetta, otto punti di vantaggio sulle seconde, nove sulla quarta. Quindi sulla carta il pronostico dice Petrarca favorita, ma quando ci si gioca tutto in due partite secche il pericolo è dietro l’angolo. Ai ragazzi di Saadi, pur consapevoli della propria forza, occorrerà massima concentrazione per ogni singolo secondo, per ogni attimo di gara, perchè il titolo finora virtuale si materializzi nel pass per le finali nazionali di Benevento. La nuova formula con il meccanismo delle semifinali incrociate e successive finali, introdotta quest’anno dalla F.I.G.H  anche per i campionati giovanili, metterà a dura prova tanto il corpo quanto la mente. Sabato pomeriggio semifinale contro la Medicea di Poggio a Caiano, quarta classificata al termine della regular season, domenica, almeno così logica vorrebbe, contro la vincente di un Tavarnelle – Grosseto che si annuncia partita equilibratissima. Emozioni a valanga in termini mai provati prima, ma l’ambiente è sereno e fiducioso. Nella stagione più difficile e girovaga, questo gruppo di ragazzi orfani di palestra, sempre con la valigia in mano, ha confermato il suo valore a dispetto di tutto e di tutti. Meritano un premio, non fosse altro che  per atto di giustizia. La Petrarca ci crede e con lei tutti gli appassionati dell’handball aretino, cronista compreso che conta di scribacchiare, la settimana prossima, una bellissima storia che continua…

Paolo Polezzi  A.S. Petrarca Pallamano